Menù

Links:

Informazioni sulla trasparenza

MUSIC POOL: DAVID MURRAY Cuban Ensemble plays Nat King Cole en espanol

15 ottobre 11 , ore 21:30

Firenze, Auditorium Flog

Musica dei Popoli in collaborazione con Music Pool

Questo nuovo progetto ?David Murray Cuban Ensemble plays Nat King Cole En Espanol? parte da premesse a prima vista improbabili. Il repertorio è tratto dai due album incisi da Nat King Cole 50 anni fa all?Avana in lingua spagnola: si tratta della rivisitazione di “Quizas, quizas” o di “Tres Palabras” con il sostegno di una big band. Lungi dal risultare sdolcinato (una categoria del tutto al di fuori della personalità di Murray) questo lavoro regala emozioni forti, complici arrangiamenti spesso graffianti, all’interno dei quali Murray sfodera la sua esuberante vena creativa.

Sassofonista e compositore David Murray dalla fine degli anni novanta è stato spesso associato con con fusion e world music per il suo modo di esplorare l’intersezione di jazz, hip hop, gospel, sonorità africane e dei caraibi. La musica di Murray ha combinato le innovazioni del free jazz degli anni ’70 con il jazz di New Orleans per ottenere un suono estremo e aspro. Durante la sua carriera sembra aver confermato quanto diceva Ornette Coleman, ovvero che l’anima dei neri d’America si esprime al meglio attravero il sax tenore. Nel 1975 sotto loro consiglio si trasferì a New York dove suonò con Cecil Taylor e Dewey Redman che diedero al giovane musicista l’incoraggiamento di cui aveva bisogno. La città fu anche una fonte di altri incontri con personaggi e musiche di ogni genere: Sunny Murray, Tony Braxton, Oliver Lake, Don Cherry. Nella Energy Band di Ted Daniel lavorò con Hamiet Bluiett, Lester Bowie e Frank Lowe. Nel 1976 Murray partecipò al World Saxofone Quartet con Oliver Lake, Julius Hemphill e Hamiett Bluiett. Quello fu l’inizio di un periodo molto creativo dove ad una registrazione seguiva l’altra. Nel 1978 formò un quartetto, un ottetto e poi un quintetto concentrandosi sempre più sulle sue formazioni lavorando allo stesso tempo con altri musicisti. Ogni volta si immergeva in una serie di suoni completamente differenti: dagli archi alle percussioni, dalla Guadalupe fino a ballerini e musicisti del Sud Africa. Gli anni ?80 sono anni di grandi riconoscimenti: viene premiato come Musicista del decennio, e nel 1989 riceve un Grammy Award con il tributo a John Coltrane. Negli anni ?90 compone colonne sonore per film, e tra il 2004 e il 2008 si cimenta con l?opera, per poi tornare sulla scena musicale con nuove esibizioni live. Attualmente vive in Portogallo, dove partecipa annualmente al Festival FMM.

Write a comment

You need to login to post comments!

Cerca nel sito

Progetti I-jazz

Novità Associative

Archivio